Recensione: LA REGOLA DELL’ECCESSO

41F+pscxzeL__SX326_BO1,204,203,200_Autore: Renato Tormenta e Susanna De Ciechi

Formato: Formato Kindle

Dimensioni file: 1248 KB

Lunghezza stampa: 324

Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato

Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.

Lingua: Italiano

ASIN: B00W8FOP5G

 

 

Sinossi

Il lavoro, i soldi, i viaggi, il sesso, la coca. Queste erano le cose che contavano. Non necessariamente in quest’ordine. A quindici anni Renato contrabbanda sigarette sul mare di Napoli, a diciotto percorre l’Atlantico sulle navi cargo, a venticinque precipita con un ultraleggero in un’afosa domenica di luglio. Sopravvive, ma l’anima è incrinata. Fa una montagna di quattrini e si cura con cocaina, eroina e rhum. Quando le medicine non funzionano, scappa.

 

Ho letto la versione ebook di questa biografia e la prima cosa che vorrei sottolineare riguarda proprio l’aspetto meramente tecnico. Innanzitutto credo che gli autori abbiamo saputo sfruttare pienamente le possibilità che offre la pubblicazione in digitale, ovvero introducendo all’interno dell’ebook degli spunti iconografici, attraverso l’inserimento di alcune immagini e link a contenuti musicali che il lettore ha la facoltà di attivare attraverso il proprio dispositivo di lettura. Vorrei focalizzare l’attenzione proprio su questa idea, che ritengo una vera e propria rivoluzione nell’ambito dell’editoria digitale che purtroppo pochissimi autori fino a ora hanno saputo cogliere. La creazione di ebook interattivi è in effetti una delle caratteristiche primarie di questo formato e spero che in futuro sarà un percorso seguito da altri scrittori, La regola dell’eccesso rappresenta per me un precursore, un esempio da seguire.

Riguardo al contenuto mi vorrei soffermare innanzitutto sulla struttura narrativa del romanzo. Si tratta di un brillante esempio di biografia, con un ritmo sincopato, drammatico e con numerosi spaccati di vita quotidiana inerenti sia alla realtà prettamente italiana che di altre località straniere. Il protagonista della storia è il viaggiatore per eccellenza, ma non rappresenta quel percorso narrativo quello che in letteratura viene definito Il viaggio dell’eroe, che affronta indomito tutte le difficoltà, le supera e alla fine ne esce vincitore. Si tratta piuttosto di un viaggio dell’antieroe, dello sconfitto, del perdente che viene continuamente sopraffatto dall’esistenza che lui stesso contribuisce a costruire. Leggendo questa storia ho provato molta rabbia, mi sono chiesta: possibile che una persona si riduca in questa maniera? Che pur essendo pienamente consapevole dei propri errori continua imperterrito sulla strada che porta all’autodistruzione? Si tratta di una storia vera, da quello che mi è parso di capire, e ciò rende questa vicenda ancora più drammatica. Non so se sia stata effettivamente scritta a quattro mani, oppure se gli autori rappresentano un connubio di mente e mano scrivente, tuttavia è una simbiosi ben riuscita. Difficile calarsi nei panni dell’altro e riuscire a raccontare le vicende, soprattutto quelle interiori. Si avverte nella scrittura questa tensione, che si sviluppa lungo tutto il corso narrativo, che aumenta, che arriva all’apice e che però, ogni volta, lascia uno spiraglio di speranza. Evidentemente, dietro questa sorta di autolesionismo psicologico, c’è nel profondo del protagonista il desiderio di andare avanti sempre e comunque, una sottile linea che lo separa dall’abisso e che alla fine gli farà ritrovare fiducia nel domani. Sicuramente una delle storie più belle che ho letto ultimamente, e lo consiglio a chi ama indagare l’animo umano in tutte le sue sfaccettature, a chi ama il dramma e le contraddizioni a chi vuol riflettere e non solo trovare puro diletto nell’esperienza di lettura.

Link acquisto libro: Amazon

Annunci

Informazioni su nunziassuntadaquale

Osserva e Ricorda. Le immagini scorrono veloci davanti allo sguardo, a volte distratto. Osserva: sensazioni ed emozioni, scivolano addosso, come pioggia leggera e non lasciano traccia, solo una vago sentore di umido...ma osserva meglio, concentra il tuo pensiero su ogni breve istante della tua vita e ricorda... Ricorda la gioia e il dolore. L'emozione che ti avvolge, la disperazione che ti affossa in un abisso buio e profondo. Ricorda le parole, i sorrisi, gli sguardi minacciosi, l'Amore e l'Odio. La Vita e la Morte. Osservo il mondo e traduco i pensieri in parole... http:negliocchienelcuore.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Interviste e recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Recensione: LA REGOLA DELL’ECCESSO

  1. newwhitebear ha detto:

    Una bella recensione, senza dubbio. Libro interessante per come è stato strutturato.
    Complimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...